Percorso Didattico

Un percorso educativo sull’idratazione

Mettendo al centro dell’attenzione educativa l’importanza dell’idratazione, sono molti gli aspetti da prendere in considerazione in un percorso didattico. Ciascuno di questi aspetti (e altri ancora) diventa il tassello di un itinerario progressivo di costruzione della propria conoscenza rispetto all’acqua come elemento di salute e alla necessità di provvedere a una giusta idratazione. Ovviamente la predisposizione di questo itinerario, affinché sia efficace in ambito didattico, deve vedere la considerazione di alcuni fattori che riguardano contenuti, metodi e strumenti, diversi a seconda dell’età degli studenti. Per questo, il programma “Hydration@school” propone materiali di lavoro differenziati per i piccoli che frequentano i primi due anni della scuola primaria e per i più grandicelli di terza, quarta e quinta.

Gli obiettivi del programma

Sensibilizzare

Sensibilizzare studenti, insegnanti e famiglie sull’importanza dell’idratazione e aumentare la conoscenza delle caratteristiche dell’acqua

Stimolare

Stimolare il senso di responsabilità e il protagonismo attivo degli studenti rispetto ai loro comportamenti alimentari e la gestione della propria salute.

Coinvolgere

Coinvolgere gli studenti in attività che indirizzino la loro formazione verso abitudini sane e stili di vita improntati al benessere

Gli strumenti: perchè un sito web?

I bambini che oggi frequentano la scuola primaria appartengono a pieno titolo alla generazione dei “nativi digitali” e anche se nei primi anni non sanno ancora leggere, sanno benissimo osservare, ascoltare, a volte anche utilizzando strumenti tecnologici avanzati (tablet, smart – phone…), ovviamente sotto la guida degli adulti.

Oggi un intervento di Educazione Alimentare non può prescindere dal prendere in considerazione le Tecnologie Informatiche per la Comunicazione, essenziali per aprire a diverse dinamiche di pensiero, modalità di apprendimento e condivisione. Internet ne è l’esempio più evidente (anche se non il solo) e, pur senza lasciare sullo sfondo le problematiche legate alla virtualizzazione dell’esperienza e al diffondersi del cosiddetto “pensiero veloce”, è innegabile la sua possibile funzione educativa, relativamente a:

  • La qualità dei messaggi e degli stimoli veicolati attraverso la multimedialità, unita all’economicità di produzione e alla grande diffusività.
  • Il livello di interattività facilmente realizzabile, capace di stimolare un comportamento attivo e un’assunzione di responsabilità dello studente di fronte al mezzo.
  • La possibilità di comunicare con gli altri, in situazione sincronica o diacronica, permettendo un diverso stile partecipativo a esperienze comuni.

Peraltro, proprio in risposta alle nuove attitudini degli studenti e in linea con lo sviluppo della comunicazione, cresce di anno in anno la disponibilità di strumenti tecnologici all’interno del mondo scolastico.Di qui la proposta di un sito WEB di riferimento per il programma Hydration@school che rappresenta il “contenitore” di tutti gli strumenti e lo spazio di interazione per i partecipanti al programma.

Si rivolge sia agli alunni, sia agli adulti (insegnanti e famiglie) e contiene diversi tipi di materiali: testi da leggere, schede da stampare, video, immagini, proposte operative, concepite nell’ottica dell’imparare facendo e del fare divertendosi.

Gli strumenti comuni a tutte le classi

La guida per l’insegnante

Questa guida per l’insegnante, stampabile e consultabile a video.

Un opuscolo per le famiglie

L’opuscolo affronta il tema della sana idratazione con riferimento particolare all’importanza che ha rispetto ai bambini, e spiega il progetto didattico. Vuole essere un riferimento semplice, immediato e sicuro, che aiuti i genitori a impostare correttamente l’approccio educativo rispetto al rapporto acqua-idratazione-benessere.

Gli strumenti per le classi 1°-2°

Una video lezione per gli alunni

Centrata sul tema dell’acqua e dell’idratazione questa video lezione costituisce per l’insegnante un utile strumento motivazionale. Proposta in visione agli alunni ha il senso di introdurre stimoli e riflessioni per il successivo lavoro in classe.

Una storia da raccontare

La modalità del racconto è molto coinvolgente e motivante per iniziare un percorso di apprendimento. Definito un personaggio guida, nel quale il bambino possa identificarsi, si propone una storia stampabile e consultabile a video, che abbia come filo conduttore l’acqua e l’idratazione. Una storia che abbia il compito di incuriosire e stimolare i bambini a sperimentare in prima persona e ad approfondire attraverso il lavoro di classe. Le diverse parti della storia, comprendono indicazioni precise per l’insegnante, affinché gli stimoli che scaturiscono dalla lettura possano essere occasione di attività in classe e a casa, secondo quanto previsto dal “Quaderno degli alunni”.

Le schede per gli alunni

Scaricabili in formato pdf e stampabili, le schede didattiche guidano l’alunno attraverso l’acquisizione e l’approfondimento di nozioni, concetti e abilità. Concepite tenendo conto delle capacità di scrittura e lettura in formazione, le schede riportano una serie di proposte operative con spazi da illustrare, parti da completare, suggerimenti di esperienze e giochi, eventualmente da svolgere anche a casa con le famiglie. Costituiscono altresì una memoria fisica su carta del percorso svolto.

Gli strumenti per le classi 3°, 4° e 5°

Una video lezione per gli alunni

Centrata sul tema dell’acqua e dell’idratazione questa video lezione costituisce per l’insegnante un utile strumento motivazionale. Proposta in visione agli alunni ha il senso di introdurre stimoli e riflessioni per il successivo lavoro in classe.

Le schede per gli alunni

Scaricabili in formato pdf e stampabili, le schede didattiche guidano l’alunno attraverso l’acquisizione e l’approfondimento di nozioni, concetti e abilità. Concepite tenendo conto delle capacità di scrittura e lettura in formazione, le schede riportano una serie di proposte operative con spazi da illustrare, parti da completare, suggerimenti di esperienze e giochi, eventualmente da svolgere anche a casa con le famiglie. Costituiscono altresì una memoria fisica su carta del percorso svolto.

I contenuti

Classi 1° e 2°

SCHEDA 1 :  L’acqua è vita

  • Il paese della felicità
  • Da dove viene?
  • Quando manca l’acqua
  • Un oggetto utilissimo

SCHEDA 2 : Bere è importante

  • Se non si beve abbastanza
  • Quando si beve a sufficienza
  • Un brindisi regale
  • La giornata ideale

SCHEDA 3 : L’acqua dentro di te

  • Ma quant’acqua c’è nel tuo corpo?
  • L’acqua che entra e che esce
  • Un messaggio importante
  • Le parole dell’acqua

SCHEDA 4 : L’acqua è benessere

  • Acqua in classe?
  • Scappate… scappate…
  • Il segreto dei campioni
  • Una sorgente di benessere

Classi 3°, 4° e 5°

SCHEDA 1 : L’acqua e il nostro corpo

  • L’acqua è vita
  • Un esperimento interessante
  • Quanta acqua c’è nel tuo corpo?
  • Quali funzioni svolge l’acqua nell’organismo?
  • La caccia al tesoro: l’acqua nel nostrocorpo

SCHEDA 2 : Il bilancio idrico

  • L’acqua che esce e quella che entra
  • Una piccola riflessione
  • Ma perché sudiamo? Un esperimento interessante
  • Che sete!
  • Attenti al sale!
  • L’acqua che entra…
  • La caccia al tesoro: se bevi troppo poco

SCHEDA 3 : Conoscere l’acqua

  • Da dove viene l’acqua?
  • “Acqua minerale”, cioè?…
  • Ma l’acqua com’è fatta?
  • La mappa delle sorgenti…
  • Leggere l’etichetta
  • La caccia al tesoro: i sali minerali

SCHEDA 4 : L’acqua e lo sport

  • Non solo energia…
  • Ma quanto si suda facendo sport?
  • Due domande curiose…
  • Acqua e sudore…
  • La forza se ne va…
  • Caccia al tesoro: il momento di bere

La metodologia

Si informa a un approccio psicopedagogico di tipo costruttivista, nel quale l’accento è posto sull’impegno attivo da parte degli allievi nel costruirsi organicamente una propria conoscenza, atta a sviluppare specifiche competenze. Il sapere viene visto come un percorso personale, realizzato tramite un’attività in collaborazione con altri (il lavoro d’équipe) e sempre dipendente da un determinato contesto, delimitato dai contorni del progetto stesso.

Per il docente si tratta di allestire un ambiente di apprendimento favorevole alla sperimentazione di situazioni che richiedano l’esercizio di diversi stili cognitivi, l’utilizzo di differenti linguaggi, l’espressione delle personali attitudini. Facilitare l’insegnante in questo impegnativo compito è il primo intento del programma “Hydration@school”.